ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER SCHOLL  

Talloni screpolati: cause e rimedi

 
A provocare i talloni screpolati concorrono vari fattori, che spaziano dall'inadeguata idratazione del piede all'uso prolungato di scarpe aperte. Questo disturbo si manifesta come un ispessimento cutaneo della zona, che si presenta maggiormente soggetta a crepe e a piccoli tagli. In questo articolo, daremo un'occhiata ai principali nemici dei talloni screpolati, per imparare a riconoscerli e a prevenirli.
Una vasta gamma di cause

Passare al vaglio la nostra routine può aiutarci a comprendere perché soffriamo di talloni screpolati, per i quali si riconoscono diverse cause sottostanti. Fra le più comuni, ricordiamo:

  1. Idratazione insufficiente - È la causa più comune di talloni screpolati. La pelle sotto al piede appare spesso secca, ruvida e inaridita. La ragione è da ricercarsi nel fatto che la zona dei talloni presenta un basso livello di ghiandole sudoripare, la cui secrezione è essenziale per il mantenimento dell'umidità cutanea. Quando la pelle è così secca, perde di elasticità ed è maggiormente soggetta a screpolature e tagli.
  1. Carenze alimentari - La mancanza di alcune vitamine, minerali e zinco può influenzare negativamente la salute del piede.
  1. Pressione eccessiva - Se stiamo in piedi per diverse ore, a casa o al lavoro, a risentirne è anche il tallone.
  1. Invecchiamento cutaneo - Con l'avanzare dell'età, la pelle perde tono ed è sempre meno elastica, condizione che favorisce la comparsa di crepe e ragadi.
  1. Disturbi di altro genere - Piede d'atleta, psoriasi, eczema, disfunzioni della tiroide, diabete e altre malattie cutanee possono causare, fra le altre cose, anche i talloni screpolati.
  1. Obesità - A un peso eccessivo corrisponde un'aumentata pressione sulla pianta del piede, soprattutto sul cuscinetto di grasso posto sotto al tallone. Così sollecitato, questo può deformarsi ed espandersi lateralmente, e, se la pelle manca di flessibilità, può facilmente spaccarsi o screpolarsi.
  1. Calzature aperte - L'uso di sandali, infradito o zoccoli espone il tallone al contatto con il suolo, aumentando il rischio di sviluppare irritazioni e inaridimenti della pianta del piede.
  1. Igiene - Una pulizia inadeguata e altre condizioni di scarsa igiene possono essere un'ulteriore causa dei talloni screpolati.
  1. Acqua - Paradossalmente, anche l'acqua può diventare nemica dei talloni. Essa può infatti asportare gli oli naturali della pelle, lasciandola ruvida e secca. Attenzione, quindi, all'esposizione prolungata agli ambienti umidi.
  1. Scarpe inadeguate o cambiamenti posturali.
  1. Genetica - La secchezza cutanea può essere insita nel nostro DNA e a ciò corrisponde un aumentato rischio di screpolature.

Perché i talloni si screpolano?

I talloni screpolati si verificano quando, in tale porzione di pelle, si formano crepe e spaccature. Come appena visto, i fattori scatenanti sono soprattutto un'idratazione inadeguata e un'eccessiva pressione della zona, che diventa più fragile e rischia più facilmente di lacerarsi.

Come combattere i talloni screpolati?

Anzitutto, è bene prestare particolare cura all'igiene del piede, affidandosi a detergenti delicati e creme idratanti che aiutino a mantenere la pelle elastica. La Crema Talloni Screpolati Active Repair K+ di Dr.Scholl, a base di cheratina e di urea al 25%, favorisce il naturale processo di rinnovamento cutaneo, riducendo visibilmente la pelle screpolata in soli tre giorni. Un altro suggerimento utile può essere quello di rivedere la nostra dieta, cercando di privilegiare gli alimenti ricchi di calcio, ferro e zinco. Sebbene questi elementi possano rafforzare la salute della pelle [1], è sempre bene consultarsi con il proprio medico prima di adottare drastici cambiamenti in campo alimentare.

Se i sintomi persistono, anche dopo il trattamento, occorre consultare il medico o un dermatologo per indagare su altre cause potenziali o problemi di salute sottostanti.

[1] http://www.nhs.uk/Conditions/Eczema-(atopic)/Pages/Treatment.aspx